Esperti a confronto sulle terapie target

La medicina personalizzata, che ha come principale obiettivo una terapia a misura di paziente, sta diventando una realtà sempre più importante nel campo dei tumori ginecologici. Per capire quanto la medicina personalizzata può fare nel campo dei tumori ginecologici Acto e IGCS (International Gynecological Cancer Society), in occasione della Giornata Mondiale dei Tumori Ginecologici, hanno dato il loro patrocinio all’incontro scientifico ECM “Medicina personalizzata e tumori ginecologici tra presente e futuro” che si terrà in modalità "webinar" lunedì 20 settembre alle ore 14.30.

Il programma si presenta ricco di spunti. 
Dopo gli interventi introduttivi di Nicoletta Cerana, presidente Acto onlus e di Roberto Angioli (IGCS, Campus Biomedico) sarà il turno della relazione di apertura di Nicoletta Colombo (IEO) seguita dall’intervento di Maurizio d’Incalci  (Humanitas) sul ruolo della biologia molecolare.
Le novità in tema di terapia chirurgica e medica saranno affidate, per il tumore dell’ovaio, ai clinici Paolo Scollo (Ospedale Cannizzaro) e Giorgia Mangili (Ospedale San Raffaele), per il tumore dell’endometrio ai clinici Gennaro Cormio (Policlinico Bari) e Domenica Lorusso (Fondazione Agostino Gemelli), per il tumore della cervice ai clinici Fabio Landoni (Ospedale San Gerardo) e Angiolo Gadducci (AOU Pisa). Un capitolo di attenzione sarà dedicato alla radioterapia nelle neoplasie ginecologiche con l’intervento di Roberta Lazzari (IEO).
Ma, come noto, la medicina personalizzata può trovare piena realizzazione solo all’interno di nuovi modelli organizzativi, argomento cruciale affidato a Sandro Pignata (INT Napoli - Fondazione Pascale).
Infine una tavola rotonda affronterà le questioni più sentite da pazienti e familiari con gli interventi di Nicoletta Cerana (Acto onlus), Paolo Zola (Città della Salute), Maurizio de Cicco ( Farmindustria) e AlbertoBortolami (AIFA) dedicati ai  temi dell’informazione, dell’empowerment delle pazienti, dell’uniformità dei percorsi diagnostico terapeutici, dell’accesso equo e tempestivo ai test diagnostici e alle terapie target. 
Alle sfide future risponderà l’intervento conclusivo di Giovanni Scambia (Policlinico Gemelli) che chiuderà l’incontro.

Il corso ECM è riservato ai professionisti sanitari elencati nel programma. 

 Scarica qui il programma.

Per informazioni e iscrizioni